Lunedì, Giugno 26, 2017

Presentazione del percorso

Nel realizzare il percorso dell'Esilio del 1687, si è cercato di seguire il più possibile i tracciati di antichi sentieri e strade che, nel Seicento, congiungevano il Piemonte con la Savoia e la Svizzera. Si sono individuate vie poco trafficate, in modo da far transitare il camminatore o il ciclista nei luoghi più interessanti che s'incontrano lungo il tragitto, proponendo talora deviazioni utili per poterli visitare. Il percorso propone le tappe che fecero i valdesi della tredicesima brigata di esiliati: in tutto i valdesi prigionieri furono accompagnati forzatamente al confine divisi in tredici brigate, ognuna con partenza da una diversa prigione piemontese. La terza brigata partiva da Saluzzo, dalla Castiglia, sabato 18 gennaio 1687 e giunse a Ginevra dopo 17 giorni di cammino. Lungo il tragitto morirono 15 dei 344 valdesi che partirono dalla prigione. Erano persone di tutte le età: donne, uomini, bambini, anziani. Il gruppo percorse a piedi o su muli una distanza tra i 15 e i 40 km al giorno, sostando nelle cittadine di Vigone, Orbassano, Avigliana, Bussoleno, Novalesa, Lanslebourg, Modane, Saint-Jean-de-Maurienne, Aiguebelle, Grésy-sur-Isère o Tournon, Faverges, Annecy, Cruseilles e Ginevra. Su questo stesso percorso, con alcune deviazioni dovute alle strade e ai contesti urbani attuali, si sviluppa il tracciato dell'Esilio dei Valdesi qui proposto.Per approfondimenti storici e tecnici sul sentiero dell'esilio è disponibile il volume di Albert de Lange e Samuele Tourn Boncoeur "Sulle strade dei valdesi. Guida alla via dell'esilio", Edizioni del Capricorno, 2014. Il testo e ulteriori informazioni sono reperibili presso la Fondazione Centro Culturale Valdese, scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

News

segnavia

Nel tratto italiano dell'itinerario "le strade dei valdesi" è possibile vedere il segnavia lungo il percorso. Da Vigone in direzione Piossasco e poi Avigliana per poi risalire la val Susa fino a Novalesa. Per buona parte del percorso l'itinerario segue piste ciclabili e l'itinerario della via francigena (in val Susa). Al momento la segnalazione del percorso non è completa per cui non dappertutto sono presenti gli adesivi segnavia; tale lacuna verrà colmata a breve. E' peraltro in progetto l'installazione di pannelli formato 50x70cm nei principali luoghi toccati dall'itinerario.

#‎huguenotswaldensiantrail‬

Usate l'hashtag ‪#‎huguenotswaldensiantrail‬ per condividere le vostre esperienze sull'itinerario "Le strade degli ugonotti e dei valdesi". Dal 10 giugno al 1 settembre mandate una foto del vostro viaggio e provate a vincere... Tutte le informazioni su http://culture-routes.net/…/routeselfie-find-your-route-win…

#RouteSelfie